NOTA: Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione.

Habemus normam! La prima norma sulla progettazione sociale in Italia

Siamo lieti di comunicare che il 30 aprile p.v. sarà pubblicata la norma UNI 11746:2019 “Attività professionali non regolamentate – Progettista Sociale – Requisiti di conoscenza, abilità e competenza, dopo una lunga fase di preparazione e studio congiunto tra tutte le parti interessate, in coordinamento con UNI - Ente Nazionale Italiano di Unificazione titolare del percorso di normazione. L’iter, avviato poco dopo l'adozione della legge 4 del 14 gennaio 2013 “Disposizioni in materia di professioni non organizzate”, è stato lungo e complesso, ma anche molto fecondo per il confronto che è stato possibile svolgere tra tutte le parti interessate – Forum Nazionale del Terzo Settore, PMI® Central Italy Chapter e Ministero del Lavoro/Agenzia Nazionale Politiche Attive Lavoro – sul profilo specifico, gli ambiti di attribuzione e le competenze del progettista sociale, la cui progressiva identificazione da sempre costituisce il fulcro della nostra missione associativa.

Siamo convinti di aver dato un prezioso e comune contributo all’evoluzione delle culture di welfare del Paese, e al contempo di aver posto le premesse per una progressiva crescita e identificazione professionale delle migliaia di esperti e operatori della progettazione sociale, che a diverso titolo si spendono nelle diverse organizzazioni del Terzo Settore, dell’Amministrazione Pubblica e dell’Impresa, spesso agendo i propri sforzi in una condizione di faticoso anonimato professionale. Nel congratularci con tutte le nostre socie e i nostri soci per il risultato raggiunto, e nel ringraziare i partner che hanno accompagnato tutto l'iter di studio ed elaborazione del progetto di norma, formuliamo l'auspicio che questo traguardo rappresenti un nuovo punto di partenza, più solido e garantito, per apprezzare meglio le competenze di chi professionalmente esercita la progettazione sociale, e inquadrare sempre più tale pratica in tutti i settori e gli ambiti in cui è esercitata – Terzo Settore nelle sue molteplici articolazioni, Pubblica Amministrazione ed Enti locali, filantropia istituzionale ed Enti privati di erogazione – come quella funzione qualificata, distintiva e specifica, strategica per la programmazione, regolazione e gestione di quei processi di cambiamento sociale che, nell'affrontare le numerose difficoltà che colpiscono singoli gruppi nelle comunità, perseguono  l’interesse generale.